13 maggio: “Le tre Moschettiere”, spettacolo teatrale a Ravenna

Lo spettacolo “Le tre moschettiere – tutte per una e una per tutte”, che verrà presentato il 13 maggio 2019 al Teatro Rasi di Ravenna, è un progetto che intende dare voce alle donne contro la violenza che ci circonda tutti i giorni, utilizzando il teatro come strumento per il cambiamento sociale. Lo spettacolo sarà realizzato dall’associazione Cianove, con la partecipazione dell’attrice Evelina Drianovska.

Il ricavato dei biglietti dello spettacolo, sarà devoluto in beneficenza ai tre centri antiviolenza della provincia di Ravenna: Associazione Sos Donna Faenza, Linea Rosa di Ravenna e Associazione Demetra Donne in aiuto di Lugo.

Costo del biglietto: € 10,00 acquistabile anche presso la sede della nostra Associazione in via Laderchi, 3 a Faenza. Per informazioni: 0546/22060 o info@sosdonna.com

Non perdetevelo!

Le Moschettiere, al teatro Rasi una “fiaba contemporanea” contro la violenza sulle donne

Il lavoro andrà in scena il 13 maggio alle 20.30. L’intero ricavato sarà destinato alla realizzazione dei seminari formativi dei centri antiviolenza della provincia di Ravenna.

 

Cosa succederebbe se i quattro moschettieri creati da Dumas, per un prodigio, fossero catapultati nel 2019 e si trovassero faccia a faccia con tre prostitute, loro malgrado, “in servizio” sull’Adriatica? È questa la domanda che apre la “scatola magica” de Le Moschettiere, l’ultimo lavoro scritto e messo in scena dalla regista Evelina Drianovska con gli allievi del suo laboratorio teatrale “Imparare a non recitare”.

L’imprevedibile incontro fra i 7 personaggi darà “il La” ad equivoci e situazioni esilaranti, ma anche ad immancabili riflessioni sul nostro tempo e le sue storture. Sono tante, infatti, le storie di quotidiana violenza contro le donne che questo inedito “settetto” si troverà ad incrociare, fino a giungere ad una risoluta decisione, al grido di “Tutti per uno, uno per tutti!”.

“Si tratta di una frase che ha resistito ai secoli, estremamente significativa per i tempi che stiamo vivendo, pieni di paura e chiusura agli altri, in cui l’egoismo ha soppiantato la solidarietà fra gli individui – spiega la regista -. Questa storia mostra come solo combattendo uniti, dalla stessa parte, si possono cambiare davvero le cose”.

Lo spettacolo vede inserimenti di musica e canto dal vivo e la video-arte di Alice Davidi.

Il progetto è realizzato con il patrocinio del Comune di Ravenna e l’adesione di Linea Rosa Ravenna/Cervia e Russi, Demetra donne in aiuto Lugo e Comuni dell’Unione, SOS Donna Faenza e Comuni dell’Unione faentina. Con il sostegno di Tribeca Lounge e Acquatech Romagna.

L’intero ricavato sarà destinato alla realizzazione di seminari formativi organizzati dai tre centri antiviolenza.

Dove e Quando: il 13 maggio 2019, ore 20.30, al Teatro Rasi di Ravenna, via di Roma, 39.

Biglietti: costo 10 euro, biglietti in prevendita presso “Linea Rosa”, Via Mazzini 57/a, Ravenna – “Sos Donna”, Via Laderchi 3, Faenza – “Demetra Donne in Aiuto”, Corso Garibaldi 116, Lugo

Per info: ass.cianove@libero.it; tel. 347 7207068

Evelina Drianovska

Attrice e regista nata a Sofia (Bulgaria), dove si è laureata presso la National Academy of Theatre and Film Art “Krastyo Sarafov”. Ha seguito master class di perfezionamento con il Premio Nobel Dario Fo e Franca Rame, e molti altri artisti fra i quali: Pupi Avati, Alessandro Haber, Michele Placido. Ha scritto e portato in scena numerosi lavori teatrali, come “Monologo di un’attrice dell’Est”, “Eh Vanij, bisogna vivere”, “Mio Padre”, “Un posto di lavoro per Romeo” apprezzato da Dario Fo per la sua originalità. Nell’ambito del Festival delle Culture ha prodotto spettacoli come “Le bisbetiche indomate”, “Casanova e le casalinghe allegre”, “Il treno della vita”. È attrice per il teatro e la televisione. È autrice di numerosi racconti usciti per Claudio Nanni editore. Vive a Ravenna dal 1990.

“C’era una volta un pezzo di legno”: a teatro contro la violenza sulle donne

Faenza 27 aprile 2019

SOS Donna e Compagnia di Smama vi invitano al musical

“C’era una volta un pezzo di legno”:

a teatro contro la violenza sulle donne

 

La Compagnia Teatrale di Smama, attiva dal 2009 presso i locali del Circolo ANSPI della Parrocchia di Santa Maria Maddalena, porta in scena per l’Associazione SOS Donna il divertente musical “C’era una volta un pezzo di legno”, liberamente tratto dalla favola di “Pinocchio” di Carlo Collodi.

Lo spettacolo verrà riproposto a Faenza sabato 27 aprile alle ore 21.00 presso il Teatro Masini (Piazza Nenni, 3) dove i 40 attori della compagnia teatrale si esibiranno per far divertire grandi e piccini con le avventure del famoso burattino di legno. Sul palco sarà presente una distesa di scarpe rosse, simbolo della lotta contro la violenza alle donne, poiché l’incasso della serata sarà devoluto in beneficienza all’Associazione SOS Donna, centro antiviolenza dell’Unione della Romagna Faentina, per sostenere i progetti con le donne che subiscono violenza e i/le loro figli/e.

L’iniziativa è patrocinata dall’Unione della Romagna Faentina; è possibile acquistare le prevendite dei biglietti presso la Gelateria OK, Via Fratelli Rosselli 6/2 e il giovedì dalle 20:00 alle 22:00 presso il Circolo ANSPI di Santa Maria Maddalena, Piazza Bologna 9.

SOS Donna, associazione nata a Faenza l’8 marzo 1994, si occupa di fornire un servizio di prima accoglienza a donne che si trovano in uno stato di temporanea difficoltà, che hanno subito o subiscono violenza, gestendo dal 2000 anche il servizio comunale Fe.n.ice, centro di ascolto e prima accoglienza per le donne in stato di disagio e maltrattate. L’attività di assistenza e ascolto si coniuga a quella di sensibilizzazione e prevenzione tramite eventi, pubblicazioni e corsi di formazione.

 

“C’era una volta un pezzo di legno”

liberamente tratto da Pinocchio di Carlo Collodi

a cura di Sos Donna e Compagnia Teatrale di Smama

Sabato 27 aprile alle 21.00  presso il Teatro Masini

in piazza Nenni, 3  a Faenza – Ingresso € 10 a favore di Sos Donna

Dona il Cinque per Mille a Sos Donna

L’associazione Sos Donna, centro contro la violenza alle donne, chiede a tutte e tutti di poter contribuire alla prosecuzione e al consolidamento della vita del Centro antiviolenza.

Anche quest’anno è possibile devolvere il 5 per mille dell’irpef ad un’associazione di volontariato scelta dal contribuente:

per questo chiediamo di sostenere i progetti di Sos Donna attraverso questa semplice ma utilissima iniziativa.

Questa scelta non cambia nulla per il contribuente, né in aggiunta né in sottrazione alla cifra “dovuta” al fisco, ma con una semplice firma si può sostenere l’associazione che dà una mano a donne che si trovano in uno stato di temporanea difficoltà, che hanno subito o subiscono violenza.

Codice fiscale di Sos Donna: 90014420393

Ti ringraziamo anticipatamente per il gesto di solidarietà nei nostri confronti e nei confronti delle donne che subiscono violenza e che vogliono ricostruirsi una nuova vita!

Le volontarie dell’Associazione Sos Donna

 

A.A.A. CERCASI

A.A.A. CERCASI

L’Associazione Sos Donna, centro antiviolenza di Faenza, è alla ricerca di pigiami, ciabatte e intimo da donna e bambino/a di diverse taglie nell’intento di allestire un “kit di pronta accoglienza” per le donne da noi accolte in situazioni di emergenza.

Chiediamo ai negozianti del settore dell’abbigliamento del territorio dell’Unione della Romagna Faentina di poterci aiutare tramite la donazione di eventuali giacenze di magazzino.

Per ulteriori informazioni potete contattarci tramite mail: info@sosdonna.com o telefonando allo 0546/22060.

Grazie!

Le volontarie e operatrici di Sos Donna