19 ottobre: L’Associazione SOS Donna ringrazia la cittadinanza faentina

La Coop Alleanza 3.0 propone una colletta alimentare per SOS Donna

L’Associazione SOS Donna ringrazia la cittadinanza faentina

L’Associazione SOS Donna, centro antiviolenza di Faenza, era presente al supermercato Coop “I Cappuccini” di Faenza nella giornata del 16 ottobre 2021, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, per una raccolta di solidarietà in supporto alle donne che subiscono violenza, ospiti nelle case rifugio dell’Associazione. Le volontarie del centro antiviolenza erano presenti con un punto informativo per sollecitare e sensibilizzare ancora una volta la cittadinanza ad una riflessione sulla violenza alle donne, distribuendo inoltre, a chi si recava a fare la spesa alla Coop “I Cappuccini”, una lista con l’elenco degli alimenti e dei beni di prima necessità che potevano essere donati a SOS Donna dalle e dai clienti della Coop.

Le volontarie e le operatrici del centro antiviolenza sono rimaste piacevolmente colpite dalla generosità dimostrata dai cittadini e dalle cittadine di Faenza che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa dimostrando ancora una volta la loro fiducia nei confronti del progetto della nostra Associazione. Durante l’intera giornata sono stati donati: 191 confezioni di riso e pasta, 156 prodotti alimentari in scatola (passata di pomodoro, tonno, legumi, olio), 164 prodotti per la prima colazione, 66 altri prodotti alimentari, 39 prodotti per la prima infanzia e circa 112 prodotti per l’igiene della persona e della casa. Tutti i prodotti raccolti saranno destinati alle donne e ai bambini e bambine ospiti nelle strutture a indirizzo segreto gestite dall’Associazione e alle donne in uscita dalla violenza che si rivolgono al centro antiviolenza Sos Donna e ne hanno la necessità.

L’azione di SOS Donna-Servizio Fe.n.ice (sportello voluto dal Comune di Faenza, Assessorato Pari Opportunità) sul territorio comprensoriale faentino ha visto, nel 2020, 199 donne accolte e, dal primo gennaio 2021 ad oggi, più di 160 donne si sono già rivolte a noi.

Sos Donna, associazione nata a Faenza l’8 marzo 1994, si occupa di fornire un servizio di prima accoglienza a donne che si trovano in uno stato di temporanea difficoltà, che hanno subito o subiscono violenza, gestendo dal 2000 anche il servizio comunale Fe.n.ice, centro di ascolto e prima accoglienza per le donne in stato di disagio e maltrattate. L’attività di assistenza e ascolto si coniuga a quella di sensibilizzazione e prevenzione tramite l’organizzazione di eventi, pubblicazioni e corsi di formazione.

Le volontarie e operatrici del Centro Antiviolenza SOS Donna di Faenza ci tengono a ringraziare pubblicamente la Coop Alleanza 3.0 per l’opportunità che è stata data alla nostra Associazione. Ringraziano inoltre sentitamente, anche a nome delle donne e dei bambini e bambine accolte dal centro antiviolenza SOS Donna, tutte le cittadine e i cittadini di Faenza per la generosità dimostrata durante la raccolta di solidarietà di sabato 16 ottobre 2021 e per il sostegno che continuano a dare al centro antiviolenza della nostra città.

 

Donne: libere e protagoniste. Incontri di approfondimento aperti alla cittadinanza

 

Giovedì 21 ottobre alle ore 18.00 presso la sala conferenze del Museo del Risorgimento e dell’Età Contemporanea, si terrà l’incontro di approfondimento “Il contributo femminile all’Italia repubblicana”, promosso da SOS Donna e dall’Unione della Romagna Faentina all’interno del percorso “Donne: libere e protagoniste” (cofinanziato dalla Regione Emilia-Romagna grazie al bando Memoria del Novecento). Il progetto prevede una serie di iniziative per celebrare il 75esimo anniversario del primo voto alle donne a livello locale e nazionale (elezioni amministrative, referendum istituzionale ed elezione dell’Assemblea costituente tenutisi fra il marzo e il giugno 1946).

Il seminario del 21 ottobre, ad ingresso gratuito ed aperto alla cittadinanza, nello specifico vuole mettere a fuoco il ruolo delle madri costituenti nella stesura dei principi fondamentali della Repubblica italiana e il successivo sviluppo del principio di parità nella Costituzione, nell’anno che segna il 75esimo anniversario del primo voto alle donne e dell’elezione dell’Assemblea Costituente. Interverranno la prof.ssa Elda Guerra, studiosa del Centro delle Donne di Bologna e la prof.ssa Francesca Rescigno, docente di Diritto delle Pari Opportunità. Moderazione a cura di Antonella Baccarini, Comitato di Faenza per la valorizzazione e la difesa della Costituzione di Faenza.

Seguirà, venerdì 12 novembre 2021, alle ore 18.30 presso il Circolo ARCI Prometeo la presentazione del libro “Donna. Storia e critica di un concetto polemico” (Ed. Il Mulino, 2020) di Paola Rudan, docente di Storia delle Dottrine Politiche Università di Bologna. Il libro segue i movimenti del concetto di “donna” attraverso le parole delle donne che nell’età moderna hanno contestato, individualmente e collettivamente, la sua definizione patriarcale. Dialoga con l’autrice Elisa Ottaviani, Associazione SOS Donna, centro
antiviolenza di Faenza

Per partecipare all’incontro è necessario essere muniti di certificazione verde anti covid-19 (Green Pass), ed è consigliata la prenotazione in anticipo via mail scrivendo a: info@sosdonna.com
Si ringraziano la Regione Emilia-Romagna per il contributo e la Società Italiana delle Storiche per il patrocinio all’iniziativa.

16 ottobre: Fare la spesa alla Coop per aiutare le donne che vivono nelle case rifugio

16 ottobre 2021: La Coop Alleanza 3.0 propone una colletta alimentare per SOS Donna

Fare la spesa alla Coop per aiutare le donne che vivono nelle case rifugio

L’Associazione SOS Donna, centro antiviolenza di Faenza, sarà presente al supermercato Coop “I Cappuccini” di Faenza nella giornata del 16 ottobre 2021, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, per una raccolta alimentare in supporto alle donne che subiscono violenza, ospiti nelle case rifugio o accolte dall’Associazione. Le volontarie del centro antiviolenza saranno presenti con un punto informativo per sollecitare e sensibilizzare ancora una volta la cittadinanza ad una riflessione sulla violenza alle donne. A chi si reca a fare la spesa alla Coop “I Cappuccini”, distribuiranno inoltre – nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid – una lista con l’elenco degli alimenti e dei beni di prima necessità che possono essere donati a SOS Donna dai clienti della Coop: dai prodotti alimentari a quelli per l’igiene personale, dai prodotti per bambini a quelli per la pulizia della casa, tutto ciò che è utile nella vita quotidiana. Tutti i prodotti raccolti saranno destinati alle donne e alle/ai bambine/i ospiti nelle strutture a indirizzo segreto gestite dall’Associazione e alle donne in uscita dalla violenza che si rivolgono a SOS Donna.

L’azione di SOS Donna-Servizio Fenice (sportello voluto dal Comune di Faenza, Assessorato Pari Opportunità) sul territorio comprensoriale faentino ha visto, nel 2020, 199 donne accolte e, dal primo gennaio 2021 ad oggi, più di 160 donne si sono già rivolte a noi. Fare la spesa alla Coop nella giornata di sabato 15 ottobre significa sostenere le donne vittime di violenza e i loro bambini, messe ancora più in difficoltà dalle conseguenze economiche e sociali dell’emergenza sanitaria in atto, e contrastare la violenza domestica.

SOS Donna, associazione nata a Faenza l’8 marzo 1994, si occupa di fornire un servizio di prima accoglienza a donne che si trovano in uno stato di temporanea difficoltà, che hanno subito o subiscono violenza, gestendo dal 2000 anche il servizio comunale Fe.n.ice, centro di ascolto e prima accoglienza per le donne in stato di disagio e maltrattate. L’attività di assistenza e ascolto si coniuga a quella di sensibilizzazione e prevenzione tramite l’organizzazione di eventi, pubblicazioni e corsi di formazione.

UN CORSO DI FORMAZIONE PER LE NUOVE VOLONTARIE AL CENTRO ANTIVIOLENZA DI FAENZA

SOS DONNA PROPONE  UN CORSO DI FORMAZIONE PER LE NUOVE VOLONTARIE AL CENTRO ANTIVIOLENZA DI FAENZA

L’Associazione SOS Donna di Faenza, Centro contro la violenza alle donne, è attiva sul territorio faentino dal 1994 e si occupa di fornire accoglienza, sostegno psicologico e legale a donne che hanno subito o subiscono violenza, indipendentemente dalla loro provenienza, cultura o religione. L’aiuto alle donne è offerto in maniera gratuita e nel pieno rispetto dell’anonimato. Con le donne cerchiamo di costruire percorsi personalizzati di uscita dalla situazione di violenza e di dare loro un supporto teso al raggiungimento o alla riconquista dell’autonomia. Dal 2000 è attiva una convenzione con l’Unione della Romagna Faentina per la gestione del Servizio Fe.n.ice. Dal 2010 il centro antiviolenza gestisce alcune case rifugio a indirizzo segreto rivolte alle donne che hanno necessità di allontanarsi da casa, insieme ai e alle proprie figlie, poiché vivono particolari situazioni di rischio. E’ attivo inoltre un protocollo di intervento in emergenza H24, in collaborazione con le Forze dell’Ordine e il personale socio-sanitario territoriale.

Oltre alla quotidiana attività di ascolto, consulenza e messa in protezione delle donne, il centro antiviolenza propone laboratori di prevenzione all’interno delle scuole di ogni ordine e grado, iniziative culturali ed eventi di sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza, certe del fatto che la violenza sulle donne e nelle relazioni di intimità non è una problematica di tipo emergenziale, bensì culturale e sociale che fonda le sue radici in una cultura di stampo patriarcale.

SOS Donna è un’Organizzazione di Volontariato, il supporto gratuito alle donne che subiscono violenza è garantito grazie al prezioso contributo delle operatrici e delle volontarie che operano al centro, in costante aggiornamento su metodologie e strategie di intervento e di sostegno. Dal 1994 ad oggi sono quasi 3000 le donne accolte al centro antiviolenza e più di 115 donne e 150 minori ospitate all’interno delle case rifugio gestite a partire dal 2010.

Nel 2021 SOS Donna propone un corso di formazione gratuito per nuove volontarie sui temi della violenza maschile nei confronti delle donne. La formazione è aperta a tutte le donne del territorio dell’Unione della Romagna Faentina che vogliono avvicinarsi all’Associazione e alla problematica delle donne vittime di violenza e avrà luogo a partire dal mese di ottobre.

Il corso prevede 30 ore di formazione teorica, durante le quali operatrici, psicologhe, avvocate e volontarie si alterneranno per poter dare un quadro interdisciplinare al fenomeno della violenza alle donne e ai/alle loro bambini/e. Gli incontri formativi si svolgeranno in presenza e in modalità da remoto, nel pieno rispetto della normativa di contenimento dei contagi, completerà il corso uno stage di affiancamento pratico di circa 50 ore presso il Centro antiviolenza.

Per essere ammesse al corso, a numero chiuso (massimo 10/15 partecipanti), è necessario effettuare un preliminare colloquio psico-motivazionale. Chiediamo a chi è interessata di contattarci tramite l’e-mail info@sosdonna.com o telefonicamente allo 0546 22060 (lunedì e venerdì 14.30-18.30 e mercoledì 9-13) per avere maggiori informazioni e per potersi iscrivere.