Tutti gli eventi targati SOS Donna per la ricorrenza mondiale dell’Otto marzo

8 marzo 2022

Tutti gli eventi targati SOS Donna per la ricorrenza mondiale dell’Otto marzo

Dal sostegno di Conad alla sfilata di abiti tradizionali con le donne della comunità marocchina

 

Tante iniziative culturali e di sensibilizzazione nel ricco cartellone di eventi che l’Associazione SOS Donna di Faenza propone, anche in questo 2022, per la ricorrenza dell’Otto marzo, giornata mondiale dedicata alla donna. Grazie alla collaborazione con diversi partner del territorio, le volontarie del centro antiviolenza sono riuscite a dare vita a un calendario che unisce formule consolidate e novità da sperimentare.

Come per lo scorso anno, durante le giornate di domenica 6, lunedì 7 e martedì 8 marzo i supermercati Conad e Cofra dell’Unione della Romagna Faentina, si faranno promotori della campagna “Conad sta con SOS Donna”: per ogni scontrino emesso, verranno donati 10 centesimi al centro antiviolenza di Faenza, in sostegno ai progetti rivolti alle donne vittime di violenza e ai/alle loro bambini/e. 

La giornata di martedì 8 marzo, sarà trascorsa dalle volontarie di SOS Donna, come ogni anno, distribuendo le mimose offerte da Conad “La Filanda” alle clienti del supermercato, per sollecitare e sensibilizzare ancora una volta la cittadinanza ad una riflessione sulla violenza alle donne. L’iniziativa prevede la presenza delle volontarie di SOS Donna presso il punto informativo posto all’interno del negozio, dalle ore 8.30 alle ore 20.00. Durante la giornata, nel pieno rispetto delle disposizioni di contenimento del contagio da Covid19, verranno offerti fiori alle donne e fornite eventuali informazioni in merito al Centro antiviolenza di Faenza. 

Martedì 8 marzo alle 20.30, la giornata si concluderà al cinema Sarti (via Scaletta 10) per una serata conviviale. Dapprima un intervento introduttivo a cura delle volontarie del centro antiviolenza, poi tutte e tutti in poltrona davanti allo schermo per assistere alla proiezione de “La candidata ideale”, un film drammatico del 2019, diretto da Haifaa Al-Mansour, con Mila Al Zahrani, Dae Al Hilali, Khalid Abdulraheem, Shafi Alharthy e Nora Al Awadhcon. Maryam è una dottoressa consapevole della responsabilità del proprio ruolo che esercita in un piccolo ospedale in Arabia Saudita. Nonostante la sua professionalità deve lottare quotidianamente contro il pregiudizio diffuso nella società nei confronti delle donne. 

Durante la serata sarà possibile acquistare i biscotti de “Il Punto Goloso” di Faenza, il cui ricavato sarà devoluto all’Associazione. L’ingresso al Cinema è a offerta libera, a sostegno delle attività del Centro Antiviolenza SOS Donna di Faenza. Sarà necessario essere in possesso del Green Pass rafforzato ed essere muniti di mascherina FFP2.

Le iniziative proseguono anche dopo la giornata dell’Otto marzo.

Ma Adesso Io: tutti gli eventi dell’Unione della Romagna Faentina in occasione dell’8 marzo

E’ online “Ma Adesso Io”: il calendario di iniziative promosse dai Comuni dell’Unione della Romagna Faentina e diverse Associazioni del territorio, per celebrare la Giornata Internazionale della Donna.

Al seguente link puoi trovare il dettaglio di tutti gli eventi: https://www.romagnafaentina.it/Notizie-ed-eventi/Calendario-Eventi/Ma-adesso-io-2022

E qui la locandina scaricabile in pdf: Ma Adesso Io 2022

Libera-Mente: un dialogo libero sull’essere donna oggi

L’Associazione SOS Donna ODV

invita le donne del territorio dell’Unione della Romagna Faentina, a partecipare al

Gruppo di Auto Mutuo Aiuto 

LIBERA-MENTE

Un dialogo libero sull’essere donna oggi

 

Il gruppo s’incontrerà il Mercoledì sera, dalle 20.30 alle 22.30, a partire da Mercoledì 9 Marzo 2022, ogni quindici giorni, presso la Sede dell’Associazione SOS Donna, in Via Laderchi, 3 a Faenza.

Il gruppo potrà accogliere al massimo 10 partecipanti. La partecipazione è gratuita, previa iscrizione obbligatoria inviando un’ email a: info@sosdonna.com, entro Venerdì 4 Marzo 2022.

Qualora le iscrizioni superassero il numero previsto di partecipanti, l’Associazione si riserverà di creare una lista d’attesa e valutare la possibile attivazione di un secondo gruppo di auto mutuo aiuto. L’iniziativa è realizzata con il contributo della Regione Emilia-Romagna, nell’ambito del progetto “Libertà nella differenza”.

Per partecipare al gruppo è necessario essere in possesso della Certificazione Verde. Gli incontri si svolgeranno nel pieno rispetto della normativa vigente in merito al contenimento del Covid19. 

Per maggiori informazioni: 0546/22060 – info@sosdonna.com

Vi aspettiamo!!

Conferenza stampa – Casa Nicoletta: un nuovo luogo di protezione per le donne

Comunicato stampa

Faenza, 3 febbraio 2022

Casa Nicoletta: un nuovo luogo di protezione per le donne

L’Associazione SOS Donna presenta i risultati della campagna di raccolta fondi promossa per allestire una nuova casa rifugio

 

A gennaio 2021, l’Unione della Romagna Faentina, tramite il rinnovo della Convenzione per la gestione del Servizio Fe.n.ice e delle case rifugio, ha concesso all’Associazione SOS Donna, centro antiviolenza di Faenza, la gestione di tre ulteriori appartamenti destinati all’ospitalità di donne e minori che vivono situazioni ad alto rischio per la propria incolumità. Due di questi sono già attivi, mentre il terzo è in fase di allestimento: si tratta di Casa Nicoletta, abitazione che l’Associazione ha dedicato a Nicoletta Massari, socia e operatrice volontaria di SOS Donna venuta a mancare diversi mesi fa. Si tratta di un appartamento di ampia metratura composto da cucina abitabile con salottino, due camere da letto (matrimoniale e singola) e bagno, che potrà ospitare fino a due nuclei monogenitoriali.

E’ Antonella Oriani, Presidente dell’Associazione SOS Donna, a raccontare questo bellissimo progetto: “A partire dalla data simbolica del 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza nei confronti delle donne, l’Associazione si è fatta promotrice di una raccolta fondi online volta all’acquisto del mobilio e degli elettrodomestici necessari all’allestimento della nuova casa rifugio, allo scopo di accogliere al meglio le donne e i/le loro figli/e, già pesantemente provate dalle violenze subite e dalla necessità di allontanarsi dalla propria abitazione, dai propri affetti e dalla propria quotidianità”.

Dal 1994 ad oggi sono oltre 3.000 le donne accolte al centro antiviolenza SOS Donna, di cui più di 130 donne e 180 minori hanno trovato ospitalità nelle case rifugio. “In questo momento tutte le strutture da noi gestite sono al completo, – prosegue Antonella Oriani – mentre Casa Nicoletta è in fase di allestimento e sarà pronta ad ospitare nuovi nuclei dal mese di marzo”. 

“Ringraziamo la generosità di questi benefattori che hanno dimostrato di essere vicini a SOS Donna, all’Unione della Romagna Faentina, ma soprattutto al tema della violenza di genere – dichiara l’Assessora alle Politiche e Cultura di Genere, Milena Barzaglia. – ‘Casa Nicoletta’ è una struttura che si aggiunge alle altre già attive e delle quali c’è grande bisogno per poter tutelare le donne vittime di violenze. Vorrei ringraziare SOS Donna per il lavoro svolto quotidianamente e, anche in questo caso, per aver saputo trovare il modo giusto di reperire le risorse necessarie all’allestimento di ‘Casa Nicoletta’, cosa non scontata e semplice, considerando il momento difficile che tutte le famiglie stanno attraversando. Questa capacità dell’Associazione testimonia la grande forza e credibilità che la stessa ha nel nostro territorio e quindi siamo sempre onorati e felici di poter collaborare con loro”.

La raccolta fondi, lanciata sulla piattaforma ideaginger.it, è stata accolta con grande entusiasmo e, a distanza di soli 11 giorni dal suo inizio, ha superato l’obiettivo iniziale di € 5.000. In 40 giorni sono stati raccolti quasi € 16.000: di questi € 10.000 saranno destinati all’allestimento di Casa Nicoletta, mentre i restanti € 6.000 saranno utilizzati per coprire buona parte delle spese del Centro Estivo per i/le minori ospiti nelle case rifugio gestite da SOS Donna. 

“Siamo veramente felici e grate per il risultato raggiunto – dice Elisa Ottaviani, operatrice del centro antiviolenza SOS Donna e curatrice della raccolta fondi – Sono più di 150 le persone singole e le realtà collettive che hanno sostenuto il progetto “Una casa per ricominciare: allestiamo Casa Nicoletta!”. Tra queste vengono citate: le colleghe e i colleghi dell’U.O. Medicina Riabilitativa di Faenza, Bottega d’arte ceramica Gatti, Confcommercio Ascom Faenza, Coop Alleanza 3.0, Ass.ne Creativi sopra la Media, Imago Srl, La BCC Banca di Credito Cooperativo ravennate forlivese e imolese, Lions Club Faenza Host, Marcello Berlini Fisioterapista, Rotary Club e Rotaract Club di Faenza, Tampieri Financial Group Spa.

Le ragioni per cui queste realtà hanno deciso di sostenere il progetto di SOS Donna Faenza:

Cominciano i colleghi e le colleghe dell’U.O. di Medicina Riabilitativa di Faenza: “Nicoletta, a cui è intitolata la casa rifugio, è stata volontaria attiva ed appassionata dell’Associazione SOS Donna e amatissima collega fisioterapista nell’Unità Operativa di Medicina Riabilitativa di Faenza per tanti anni. Il contribuire ad arredare l’appartamento che porta il suo nome ci è sembrato il miglior modo per continuare a sentirla vicina attraverso i suoi desideri”.

Anche la Famiglia Tampieri, illustra le motivazioni che hanno spinto la Holding a dare un contributo alla causa: “Il sostegno all’attività di SOS Donna e Casa Nicoletta è la dimostrazione di come il nostro gruppo intenda la responsabilità sociale dell’impresa, ovvero un insieme di azioni orientate verso progetti concreti da realizzare in forte sinergia con le associazioni. Tampieri è contro ogni forma di violenza, crede quindi che sia un dovere civico e morale promuovere tutte le iniziative che inducano ad una riflessione profonda su quello che non è più solo un problema, ma una vera e propria emergenza che va immediatamente fronteggiata con ogni mezzo”.

“Il Lions Club Faenza Host – afferma il Presidente, Stefano Biancoli – considera la violenza di genere uno dei soprusi più odiosi che esistano: la viltà di un debole che fa il forte con qualcuno più fragile di lui. Per questo motivo riteniamo il nostro aiuto un atto dovuto verso un’associazione, SOS Donna, che difende i diritti delle persone fragili. Per una piaga sociale come questa riteniamo sia fondamentale fare e non limitarsi a parlarne”.

La BCC ravennate forlivese e imolese racconta perché ha deciso di sostenere questo progetto: “Una donna vittima di violenza che intraprende un percorso di sostegno per il raggiungimento di una nuova autonomia ed equilibrio, necessita a nostro avviso, tra le altre cose, di un luogo sicuro e accogliente dove poter gradualmente riacquistare fiducia e voglia di mettersi in gioco. Per tale motivo abbiamo ritenuto fondamentale sostenere il meritevole progetto di Casa Nicoletta e siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto. Ci complimentiamo con l’Associazione Sos Donna che ha promosso la raccolta fondi e con tutti i sostenitori che hanno contribuito alla buona riuscita del progetto”.

“Il Rotaract Club Faenza è stato spinto dalla volontà di continuare la collaborazione che ci lega ad SOS Donna da qualche anno, – dice la Presidente Sara Zannoni – motivo per cui abbiamo scelto Casa Nicoletta, data anche l’importanza del progetto e la necessità di vederne la completa realizzazione nel più breve tempo possibile”.  Alla sua dichiarazione si aggiunge quella del Rotary Club faentino: “Abbiamo scelto di appoggiare l’iniziativa di SOS Donna perché oggi, e più che mai a Faenza, è importante agire per proteggere le donne vittime di violenza. Se il motto del Presidente del Rotary International, Shekhar Mehta, è ‘Empowering Girl’, non può esserci affermazione sociale se non si è sicure, specialmente a casa propria: per questo motivo abbiamo deciso di portare il nostro piccolo mattone per la costruzione di un ambiente protetto”.

Anche la Presidente Simonetta Santandrea illustra l’iniziativa promossa dai Creativi sopra la Media di Casola Valsenio: “La nostra Associazione ha sostenuto con piacere, anche quest’anno, la causa di SOS Donna, partecipando alla raccolta fondi per Casa Nicoletta attraverso la realizzazione di cuscini per ogni vittima di violenza del 2021, lasciati nei negozi del paese nella settimana dal 22 al 27 novembre per una donazione da parte dei cittadini, che si è rivelata molto generosa”.

“Sostengo questo progetto perché la casa dovrebbe essere per tutti nido, rifugio, accoglienza, sollievo – spiega Marcello Berlini, fisioterapista libero professionista – La serenità è una conquista che ha bisogno in primo luogo di sicurezza e di un luogo come Casa Nicoletta”.

Infine, anche Barbara Bertoni, referente di Imago Srl, racconta le motivazioni che l’hanno spinta a sostenere la raccolta fondi: “Grazie alla mia attività ho avuto la fortuna di incontrare alcune donne con una vita difficile ed è incredibile il miracolo che possono compiere grazie ad una sola possibilità: dimostrare quanto valgono in un lavoro. E ti sorprendono sempre. Per questo credo moltissimo nei progetti come il vostro!”

L’elenco completo dei sostenitori della raccolta fondi e le future iniziative sono consultabili sul sito di SOS Donna: www.sosdonna.com.

Per ragioni di sicurezza non sarà possibile realizzare un evento di inaugurazione all’interno di Casa Nicoletta, ma l’Associazione si farà promotrice, nella primavera del 2022, di un’iniziativa pubblica dedicata a chi ha supportato la raccolta fondi, per celebrare insieme Nicoletta Massari e la nascita di un nuovo luogo per le donne.

SOS Donna, associazione nata a Faenza l’8 marzo 1994, si occupa di fornire un servizio di prima accoglienza a donne che si trovano in uno stato di temporanea difficoltà, che hanno subito o subiscono violenza, gestendo dal 2000 anche il servizio comunale Fe.n.ice, centro di ascolto e prima accoglienza per le donne in stato di disagio e maltrattate. L’attività di supporto e ascolto si coniuga a quella di sensibilizzazione e prevenzione tramite l’organizzazione di eventi, pubblicazioni e corsi di formazione.